Storia e varianti nel gioco della Briscola

Origini della Briscola

Il gioco della Briscola trova molto probabilmente origine in Francia alla fine del ‘500, ma di fatto si considera un gioco italiano per la diffusione e la popolarità nel nostro paese.

Il gioco della Briscola

Si gioca in 2 o 4 giocatori o due coppie con 40 carte, mentre in caso di 3 giocatori si toglie dal mazzo una carta col numero 2 per giocare con 39 carte.
Le carte da gioco per la briscola si chiamano Italiane e sono caratterizzate dai semi di Bastoni, Coppe, Denari, Spade.
Per ogni seme abbiamo nel mazzo l’Asso, le carte dal 2 al 7, e tre figure Il Fante, il Cavallo, il Re.
In Italia esistono diversi tipi di carte, le Napoletane, le Toscane, le Siciliane, le Piacentine.
Esistono anche più tipi di gioco come la Briscola chiamata e il Briscolone.

Le regole della partita

Chi gestisce il mazzo, il mazziere, distribuisce tre carte ciascuno in tre giri.
La Briscola, il seme dominante, è individuata dalla carta sul tavolo scoperta, e sopra si pone il mazzo coperto.
Ciascuno a turno mette sul tavolo una carta.
Per ogni mano il seme dominante è quello della prima carta giocata.
Le carte calate sul tavolo appartengono al giocatore che ha giocato la carta più alta del seme dominante, oppure una Briscola, anche se ha valore inferiore rispetto al seme dominante.
Chi vince la mano prende una carta coperta dal mazzo e cala la prima carta della mano successiva e così gli altri giocatori.
È importante riuscire a memorizzare le briscole calate e le carte più alte che devono ancora uscire per poter totalizzare il punteggio più alto.
Finite le carte del mazzo si giocano le rimanenti e calcoliamo il punteggio.

Il punteggio

Nel mazzo ci sono 120 punti, e la partita si vince con almeno 61.
Questi sono i valori delle carte: l’Asso 11 punti, il tre 10 punti, il Re 4 punti il Cavallo 3 punti, il Fante 2 punti.
Le restanti carte non danno punteggio.

La briscola online

Ultimamente è nata la Briscola online dove si partecipa ai tornei direttamente da cellulare o tablet anche in viaggio, dal web, dalle applicazioni o via Bluetooth.