Donne matte per la briscola!

Chi l’ha detto che la briscola e i giochi di carte piacciono solo agli uomini? Da qualche tempo ho insegnato alla mia donna a giocare a briscola e se n’è totalmente innamorata! Quando si vive insieme, ci sono dei momenti in cui si vuol fare qualcosa di diverso di guardarsi un po’ di TV, leggere o ascoltare un po’ di radio. Così, qualche tempo fa le ho insegnato a giocare a briscola. Da quel giorno, quasi ogni sera mi chiede se mi va di giocare. Ovviamente, non posso fare altro che accontentarla e tirare fuori le carte.

I commenti

La cosa che mi ha stupito maggiormente sono stati i commenti. Il più semplice e ovvio è stato “è molto diverso dalla Scopa”. E  va bene. Il secondo commento è stato “è un po’ difficile”. Dopo questo commento e un paio di partite, il coefficiente di difficoltà era già semplicemente un ricordo sbiadito. Il terzo commento, dopo qualche giorno, è stato “ci sono tanti fattori da considerare in questo gioco”.

Beh, quest’ultimo commento è quello che mi è piaciuto maggiormente. Infatti, la Briscola è innanzitutto strategia, perché ad ogni mano c’è un bivio, anzi un trivio (un bivio a tre uscite) poiché si deve scegliere quale carta gettare in base a tantissime considerazioni!

E tu come giochi?

La domanda finale è stata “e tu come giochi? Quali sono le tue strategie?”. Così, gliene ho dette alcune, come ad esempio quella del tenere conto del punteggio ottenuto sino ad un dato momento e di tenere conto anche dei carichi già usciti. Per carichi intendo i 3 e gli Assi dei vari semi.

Oltre queste due piccole strategie ve ne sono tante altre, riguardanti ad esempio quanto tenersi in mano i carichi di briscola. Ma questo è tutto un’altro discorso. E voi, come giocate?

Provate con i vostri morosi e le vostre morose! Alla prossima.